Via F. B. Rastrelli, 151/153 - 00128 Roma

Martedì, 25 Gennaio 2022 04:43

Cos'è un dentista di famiglia?

Quando si tratta di scegliere un dentista, molte persone trovano difficile trovarne uno che pratichi l'odontoiatria generale – e non solo competente in un'area specifica. Una delle cose più difficili nel trovare un dentista di famiglia è trovarne uno che tratti tutti i membri della tua famiglia.

Pubblicato in L'esperto risponde

Le cure odontoiatriche per gli anziani sono importanti perché con l'età le persone sono più a rischio di complicazioni collegate alle malattie dentali. Solitamente gli anziani hanno un sistema immunitario più debole e gengive più sottili e facilmente attaccabili dai batteri.

Pubblicato in L'esperto risponde

Dottore: “Mio figlio ha paura del dentista” … Quante volte abbiamo sentito questa frase.

Secondo degli studi dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) il 15/20% della popolazione mondiale soffre di vera e propria odontofobia, ovvero della paura del dentista.

Pubblicato in L'esperto risponde

Sappiamo tutti che andare dal dentista può essere una grande sfida e può suscitare una tempesta di emozioni negative dalla semplice ansia che ci coglie prima dell’appuntamento fino al terrore cieco del dentista.

La paura del dentista non è rara. La paura del dentista è una delle emozioni più comuni nelle persone di oggi. Anche l’ansia del dentista non è rara. Come la paura anche l’ansia di dover recarsi dal dentista è un’emozione piuttosto comune.

Fobia incontrollata, paura e ansia sono gradi diversi di un’emozione negativa difficile da controllare che assale i pazienti quando devono recarsi dal dentista.

Uno studio ha riportato che circa il 50% dei pazienti di un dentista ammette di aver paura di andare allo studio. È spesso difficile per le persone con una fobia dentale fare qualcosa al riguardo.

Ci sono molte persone che hanno paura di andare dal dentista, ed è importante notare quali sono le tre ragioni più comuni per questo

I 3 motivi comuni per cui le persone temono il dentista

Ci sono molte ragioni per cui le persone potrebbero avere paura di vedere un dentista. Ad esempio, alcuni potrebbero avere paura degli aghi, mentre altri potrebbero non volere che si trovi un problema dentale. Ci sono anche alcune persone che preferirebbero evitare il dolore e passeranno mesi senza vedere un dentista.

Le 3 più comuni paure del dentista sono:

  • La paura dell'ignoto, la scarsa familiarità con un nuovo ambiente e una nuova persona può essere opprimente e spaventosa per alcune persone;
  • La paura dell'esperienza passata, spesso le persone possono aver avuto dell’esperienza negative nel passato che le fermano dall’approcciarsi nuovamente con il mondo dei dentisti;
  • La mancanza di conoscenza, non sapere a cosa si va incontro ci fa fermare e cercare di allontanare il più possibile dall’ignoto per paura ed ansia.

Il primo motivo comune per cui le persone temono di andare dal dentista è la paura dell'ignoto. La scarsa familiarità con un nuovo ambiente e una nuova persona può essere opprimente e spaventosa per alcune persone. È comune per le persone che non sono mai state dal dentista prima, o che hanno avuto un'esperienza spiacevole in passato, essere molto ansiose per la loro prossima visita, indipendentemente da quante volte tornino.

In secondo luogo, alcune persone temono di andare dal dentista perché potrebbero aver avuto brutte esperienze in passato con dentisti che non sono stati abbastanza gentili o hanno causato loro dolore mentre lavoravano su di loro. Alcuni ricordi traumatici dell'infanzia possono indurre le persone a evitare successive visite dal dentista solo per questo motivo. Infine, alcuni possono avere paura del dentista perché associano il dentista al dolore.

Il terzo motivo della paura è semplicemente che non tutti sanno che oggi grazie alle tecniche di anestesia locale e sedazione cosciente è possibile essere operati ai denti senza provare dolore e senza conservare alcun ricordo dell’intervento.

Grazie all’avanzare della farmacologia, della medicina e della tecnica gli interventi dentali sono diventati predicibili (alta garanzia di successo), indolori e minimamente traumatici.

Quindi?

Come gestire l'ansia del dentista se sei un nuovo paziente

Con 3 semplici consigli, potrai controllare la tua paura del dentista e, finalmente ricevere le cure dentali che meriti.

  • Comprendere che la paura del dentista di solito non riguarda il dolore. Riguarda l'ignoto e l'anticipazione del dolore;
  • È importante sapere che non sei solo in questo problema, ci sono milioni di persone con questa fobia in tutto il mondo, e ci rende solo più forti sapere che possiamo farcela insieme;
  • Pratica tecniche di respirazione profonda prima dell'appuntamento per calmare il corpo e la mente, dopo tutto, la tua bocca sarà molto secca quando entrerai per l'appuntamento, quindi rimanere idratato sarà fondamentale per superare l'ansia.

La paura può essere scatenata da una brutta esperienza avuta in passato con un dentista o qualche altro operatore dentale, un eccessivo timore del dolore o anche qualcosa di più semplice come l'avversione per aghi o oggetti appuntiti.

La domanda è come gestire queste emozioni? Ci sono molti modi con cui puoi gestire la tua ansia del dentista… prima e durante l'appuntamento.

Puoi ridurre la tua ansia identificando cosa la fa scattare o cosa ti fa paura dal dentista. Ci sono anche modi per prendersi cura delle paure dentali dopo che si sono verificate, trovando meccanismi di coping e cercando aiuto da un professionista della salute mentale, se necessario.

Prenota una visita

Come prepararsi per le cure dal dentista

Quando si tratta di andare dal dentista, la maggior parte delle persone si innervosisce per il dolore, i lunghi tempi di attesa e la necessità di mettere uno strumento dentale in bocca.

È importante evitare di ritualizzare la “preparazione” per l'appuntamento dal dentista. Andare dal dentista è importante ma dovrebbe essere un cosa facile da fare con regolarità.

  1. Una buona notte di sonno ti aiuterà a sentirti riposato e riposato prima di andare dal dentista. Aiuta anche a ridurre l'ansia o lo stress che potresti avere quando vai dal dentista.
  2. Lavarsi i denti prima di partire non solo renderà l'alito più profumato e a tuo agio con il medico.
  3. Non arrivare troppo presto all’appuntamento per evitare di stare troppo tempo in sala d’attesa. L’attesa ci lascia il tempo di ingigantire le ansie.
  4. Ascoltare della musica rilassante in cuffia poco prima delle cure.
  5. Respirare profondamente e con regolarità per calmare il nostro fisico evitando di pensare alle conseguenze dell’operazione.

Cosa aspettarsi da un appuntamento con un dentista

Un appuntamento dal dentista è un viaggio di routine dal dentista per le persone che soffrono di problemi dentali. Un dentista esaminerà i denti e le gengive, pulirà i denti e le gengive e controllerà eventuali segni di malattie gengivali.

La prima cosa che puoi aspettarti a un appuntamento dal dentista è che qualcuno ti farà una radiografia (indolore) dei denti e delle gengive. Questo mostrerà al tuo dentista se ci sono carie, infiammazioni delle radici o malattie gengivali in bocca.

Dopo la radiografia, il dentista esaminerà più da vicino i denti e le gengive. Utilizzeranno un piccolo specchio per controllare eventuali accumuli di placca o tartaro. La placca è una pellicola appiccicosa che si forma sui denti quando mangi cibi zuccherati o non ti lavi i denti correttamente. Il tartaro è una sostanza dura che si accumula sui denti.

Un appuntamento dal dentista oggi è un momento che può durare anche molto poco. Sempre più le cure dentali sono sempre più brevi ed efficaci.

Quindi in definitiva non c’è ragione di essere intimoriti del dentista.

Chiama per un appuntamento

Pubblicato in L'esperto risponde
Mercoledì, 03 Novembre 2021 08:31

Suggerimenti per l'igiene dentale per bambini

I bambini hanno esigenze diverse rispetto agli adulti perché i loro denti sono ancora in via di sviluppo. È importante assicurarsi che si lavino i denti due volte al giorno, tutti i giorni, per evitare carie e futuri problemi dentali. Lavarsi i denti tutti i giorni aiuterà tuo figlio, non solo ad avere una bocca pulita e sana, ma anche a farla diventare una buona abitudine quotidiana.

I bambini sono ancora troppo piccoli per imparare a lavarsi i denti, quindi è responsabilità dei genitori assicurarsi che i loro figli mantengano i denti puliti. È importante avere pazienza he e permettere al bambino di esercitarsi a lavarsi i denti finché non sarà in grado di farlo da solo.

Alcuni genitori usano immagini di lavarsi i denti che mostrano loro come dovrebbero farlo. Questo aiuta i bambini a imparare più velocemente e in modo più efficiente, con meno tempo speso per cercare di capire cosa deve essere fatto. Lavarsi i denti con le immagini è un modo eccellente per rendere un'attività più attraente e talvolta anche divertente, che è il modo migliore per avvicinare i bambini all'igiene dentale.

Domande frequenti dei genitori sull'odontoiatria pediatrica

Ecco alcune delle domande più comuni che i genitori pongono sull'odontoiatria pediatrica:

Domanda: Quale è l’età più adatta per portare mio figlio dal dentista?

Risposta: Gli esperti considerano che l’età più adatta per portare un bambino dal dentista sia quella dei 3 anni, quando sono cresciuti abbastanza dentini per fare un primo esame per controllare che non vi siano complicazioni con la crescita dei denti del bambino.

D: È sicuro per i bambini visitare un dentista?

R: Certamente, controlla prima però che questo professionista sia specializzato o sappia comportarsi con i bambini per non creare brutti ricordi a tuo figlio.

D: Cosa fa un dentista pediatrico?

R: Un dentista pediatrico controlla se il bambino presenta carie o altri problemi orali, come denti mancanti, denti inclusi, denti sovra numerari o un morso aperto o problemi di salute più gravi.

D: Cosa devo aspettarmi al primo appuntamento dal dentista per mio figlio?

R: Bisogna aspettarsi: una buona interazione tra il dentista e il bambino; che il dentista controlli se il bambino ha carie o altri problemi orali; e diverse domante dal dentista sull’igiene orale del bambino e sulle sue abitudini alimentari. Molto spesso in prima visita i bambini collaborano molto poco, non aprono la bocca e a volte non permettono al dentista di visitarli: non bisogna scoraggiarsi ma mostrare loro l’ambiente dello studio in maniera giocosa senza troppo insistere. Meglio una visita in più che un bambino spaventato.

D: Con quale frequenza mio figlio dovrebbe andare dal dentista?

R: È importante far visitare il bambino almeno due volte all'anno, partendo dalla prima intorno ai tre anni e una tra i tre e i sei anni.

Chiama per un appuntamento

Pubblicato in L'esperto risponde

La parodontite è una malattia gengivale (cronica) che, nei casi più gravi, può portare alla perdita dei denti. Spesso ha un decorso latente e non sempre produce dei “sintomi” dolorosi. Per questo motivo tante persone non se ne prendono cura.

Cos'è la parodontite?

E' una malattia causata da batteri che iniziano ad infiammare le gengive fino a farle diventare rosse, gonfie e sanguinanti: questo sanguinamento molto spesso compare mentre ci laviamo i denti. Se non curata in tempo, l' infezione dei tessuti si estenderà anche alle ossa che sostengono i denti.

I batteri responsabili di questa malattia tendono a formare la placca sui denti se non vengono rimossi con lo spazzolino e il filo interdentale ogni giorno. Questa placca può accumularsi e indurirsi, formando tartaro, che infiamma i tessuti e porta alla parodontite.

La placca si accumula perché non si usa sufficientemente lo spazzolino o il filo interdentale!

Inoltre quando siamo affetti da parodontite i batteri inizieranno a diffondersi dalle gengive al resto della bocca e potenzialmente potrebbero entrare nel circolo sanguigno e raggiungere altri organi del corpo come il cuore o il fegato, creando problemi di salute generale anche gravi..

La perdita dei denti può verificarsi dopo anni di parodontite non trattata e si stima che circa il 60% degli italiani abbia una qualche forma di parodontite. Il 10% finisce per avere delle conseguenze gravi.

Perdita dei denti a casua della parodontite

L’indebolimento osseo si verifica quando l’infezione tende a deteriorare i tessuti. Con l’osso indebolito il dente perde il suo ancoraggio fino a cadere. Inoltre anche i denti adiacenti finiscono per indebolirsi a causa di questo processo di deterioramento.

Una delle ulteriori conseguenze della parodontite è quindi anche la riduzione dell’osso che diventa insufficiente per poter impiantare un dente sostitutivo.

Parodontite e alitosi

Oltre alla perdita dei denti e la diffusione dell’infezione ad altri organi del corpo la parodontite è la principale causa dell’alitosi meglio nota come alito pesante. Sappiamo tutti quanto, l’odore sgradevole del nostro alito, possa influenzare le relazioni sociali. Difficilmente le persone vi diranno che il vostro alito è sgradevole ma dall’altro lato tenderanno ed evitarvi.

Questo è un altro ottimo motivo per prendersi cura dello stato di salute della vostra bocca e dell’igiene dei vostri denti.

Misure preventive per ridurre il rischio di parodontite

Esistono vari modi per prevenire la parodontite e le infezioni gengivali. Alcuni dei metodi di prevenzione includono:

  1. Uso dello spazzolino elettrico dopo ogni pasto;
  2. Pulizia dei denti con filo interdentale almeno 1 volta al giorno;
  3. Non fumare;
  4. Usare il collutorio.

Senza trattamento, la parodontite può causare la perdita dei denti. Quando si verifica la parodontite è importante consultare un dentista, perché può risolvere il problema con trattamenti come la pulizia profonda o la chirurgia per rimuovere il tessuto osseo infetto intorno ai denti.

La migliore prevenzione rimane quella di effettuare una seduta di igiene dentale (pulizia dei denti professionale) presso uno studio odontoiatrico almeno una volta l'anno. L’igienista dentale è un professionista che ha seguito un corso universitario di laurea che gli permette di offrire un servizio di pulizia dei denti nella piena sicurezza dei pazienti.

Curare la parodontite con i trattamenti al laser

Una delle tecniche di cura della parodontite che si è rivelata molto efficace è quella del trattamento con laser. Il laser funziona applicando fasci di luce ai tessuti infetti e danneggiati dalla parodontite. Questo permette di rimuovere la placca e va a coadiuvare l’igiene dentale e la rimozione dei batteri con le tecniche tradizionali.

Chiama per un appuntamento

Evitare di perdere i denti a causa della parodontite

Quando si perdono i denti a causa della parodontite dobbiamo ricorrere agli impianti dentali o alle protesi (fisse o mobili). I rimedi come gli impianti dentali sono molto più costosi di una regolare manutenzione dell’igiene dentale.

Per questo motivo consigliamo di recarci almeno una volta ogni sei mesi dal vostro dentista di fiducia. Si tratta di un investimento intelligente per la salute orale e (ovviamente) anche per il vostro portafoglio.

Adottare misure adeguate per ridurre i rischi associati alla parodontite

Spesso la parodontite, nelle sue prime forme, non è neppure dolorosa per questo si tende a trascurare questa malattia. Per ridurre i rischi associali alla parodontite importante trattarla preventivamente prima che questa possa causare silenziosamente problemi di salute, anche molto gravi.

La buona notizia, tuttavia, è che ci sono trattamenti per ridurre il rischio di sviluppare la malattia parodontale. Il dentista potrà prescrivere sedute più ravvicinate di pulizia dei denti qualora notasse una predisposizione alla malattia o un'iniziale infiammazione dei tessuti gengivali.

Per questo è importante rivolgersi a un dentista o a uno specialista dentale se si pensa di avere questa condizione, se vedi del sangue quando ti lavi i denti, se hai la percezione che alcuni denti si muovano.

Quindi in definitiva il modo migliore per combattere la parodontite è avere uno stile di vita sano con una buona igiene dentale.

Quante volte hai visto del sangue nel lavandino quando ti lavavi i denti? Quante volte ti sei detto che ti saresti occupato della tua salute?

Se vedi che hai le gengive arrossate e perdi regolarmente il sangue quando ti lavi i denti potresti avere la parodontite.

Vuoi prenderti cura della tua bocca? È arrivato il momento di prendere un appuntamento con il dentista per un controllo e recuperare la salute dei tuoi denti.

Chiama lo Studio Dentistico Minasi per un appuntamento e una visita diagnostica.

06 508.66.05

Pubblicato in L'esperto risponde

La prima visita dentale ai bambini è un momento delicato: quali esami odontoiatrici fare, quando farli e come evitare di traumatizzarli? Sappiamo bene che “Bambini e Dentista” non è sempre un binomio felice.

La prima visita odontoiatrica di un bambino è importante per la sua salute orale presente e futura. Vediamo come guidarli alla prima visita senza spaventarli e creargli inutili paure del dentista.

Ruolo dei genitori nella prima visita odontoiatrica di un bambino

Una prima visita dal dentista è un passo importante per ogni bambino ed è essenziale prepararlo all'esperienza senza spaventarlo. I genitori dovrebbero sapere come possono contribuire positivamente alla prima visita odontoiatrica dei loro figli e cosa devono aspettarsi.

I ricordi d'infanzia di andare dal dentista in genere includono un ambiente non familiare, attrezzature spaventose, dolore o paura.

Creare delle paure nell’animo dei bambini potrebbe creare quel cattivo rapporto con il dentista che, da grande, sarà difficile da superare.

L’importante è non ritualizzare troppo l’evento della prima visita facendo sentire ai bambini la vostra ansia. Le emozioni, infatti, sono contagiose e si trasferiscono facilmente ai bambini. Se noi abbiamo paura o ansia anche loro avranno, di conseguenza, paura e ansia. Queste si trasformeranno da grandi nell’incapacità di andare serenamente dal dentista.

Trasformiamo il momento della prima visita dentale come un momento di gioco in cui si è deciso di dare la caccia ai “cattivi nemici della salute” orale. Ricordiamoci inoltre che gratificarli significa associare al momento “impegnativo” della visita dentale un premio capace di dare loro una ricompensa per la loro pazienza.

Chiama per un appuntamento

Cosa succede al primo esame dentistico per bambini?

La prima visita riguarda l'instaurazione di un buon rapporto e livello di comfort con il team odontoiatrico e l'assicurarsi che i genitori si sentano a proprio agio con ciò che sta accadendo.

Solitamente non è un dentista generalista ma è il così detto “pedodontista”. Il pedodontista è un odontoiatra specialista che si occupa della cura del cavo orale dei bambini.

È importante ricordare che questo controllo è stato progettato esclusivamente per i bambini, il che significa che è stato progettato per tenere conto delle loro fasi di sviluppo.

Prima di tutto il dentista esaminerà i denti del bambino utilizzando strumenti specializzati come specchietti dentali, radiografie o ortopanoramica.

Un check-up dentale è un esame regolare di denti e gengive per rilevare eventuali segni di carie o malattie gengivali. Si compone di due parti: l'esame intraorale, che viene condotto all’interno della bocca, e l'esame extraorale, che viene condotto mentre il bambino è seduto sulla poltrona del dentista.

Il dentista pulirà anche i denti e sigillerà alcune cavità dentali a titolo precauzionale per evitare la formazione delle carie. Quindi verranno dati dei consigli su come prendersi cura quotidianamente dei denti del bambino a casa.

Un check-up dentale per i bambini è importante perché non solo aiuta a rilevare possibili problemi di salute orale, ma insegna anche loro buone pratiche di igiene orale che li aiuteranno in futuro.

Prenota una visita

Lista di controllo per il primo esame odontoiatrico dei bambini: cosa portare e cosa c'è da sapere

La prima visita dentistica dei bambini può essere un po' scoraggiante, ma è importante che tu sappia cosa poter fare. È importante sapere che la prima visita ha a che fare più con la ricerca di carie o altri problemi orali che con la vera e propria cura dentale. Il dentista cercherà segni di carie, problemi di sviluppo come denti mancanti, denti inclusi, denti sovra numerari o un morso aperto e problemi di salute più gravi.

Il dentista farà anche domande sulla dieta e le abitudini del bambino per capire come eventualmente migliorarle.

Se stai portando tuo figlio per il suo primo esame dentistico, ecco alcune cose da ricordare:

  • Porta una carta d'identità con il nome del bambino, l’elenco delle vaccinazioni e altre informazioni di contatto (includi il tuo numero di telefono, indirizzo e data di nascita del bambino);
  • Fai una lista tutti i farmaci che tuo figlio assume per qualsiasi altra condizione;
  • Prepara una lista di possibili domande da porre al dentista per qualsiasi tuo dubbio.

Usa questa lista di controllo come guida per ciò che dovresti portare al primo esame di tuo figlio, comprese eventuali domande o dubbi che potresti avere.

Scegliere l'età giusta per la prima visita odontoiatrica di tuo figlio

Scegliere l’età giusta per la prima visita dal dentista dei tuo figlio è una decisione complessa, per questo è sempre un bene fidarsi delle parole e dei consigli dei professionisti.

Diverse volte i genitori portano i propri figli dal dentista quando cominciano ad avere problemi o a lamentare dolori ai denti, queste azioni se da un lato sono buone poiché i genitori decidono di ascoltare i propri figli e far curare il problema, questa non è di certo la scelta migliore da fare. Bisognerebbe intraprendere un percorso prima che il problemi si manifestino in modo da prevenire dolori ai propri bambini.

Le età consigliate per i primi esami odontoiatrici dei bambini

Il primo esame dentistico per i bambini di solito è programmato non prima che il bambino compia due anni. Questo perché questa è l'età in cui hanno sviluppato abbastanza denti per essere in grado di vedere in che condizioni si trovano. Diventa specialmente importante quando i bambini sono più attivi e iniziano a mangiare più cibi che possono danneggiare i loro denti.

Le prime visite dentistiche, inoltre, dovrebbero iniziare nel momento in cui i bambini possono sedersi in modo affidabile su una sedia e tenere la testa alta. L'età consigliata quindi per i primi esami odontoiatrici dei bambini è intorno ai 3 anni.

Dato che un esame dentale è un processo di valutazione per cercare di prevenire qualsiasi malattia dentale. È importante far visitare il bambino almeno due volte all'anno, partendo dalla prima intorno ai tre anni e una tra i tre e i sei anni.

Non è bello veder soffrire i bambini a causa dei denti. Per questo è importante adottare la giusta prevenzione.

06 508.66.05

Per prendere un appuntamento con un pedodontista chiama lo Studio Dentistico Minasi e troverai i professionisti competenti che si occuperanno dei denti dei tuoi bambini.

Pubblicato in L'esperto risponde